Impatto dei cambiamenti climatici sulle frane

Analisi dell’impatto dei cambiamenti climatici sull’occorrenza delle frane, sulla loro frequenza e sul rischio per la popolazione

Le frane rappresentano una seria minaccia per la popolazione di tutto il mondo, causando vittime, danni diffusi e perdite economiche significative. Fenomeni diversi influenzano la stabilità dei pendii e possono causare frane; tra questi il fattore principale è rappresentato dalle piogge. Queste ultime sono fortemente controllate e influenzate dal clima e dalle sue variazioni. Pertanto, ci si può aspettare che i cambiamenti climatici influenzino la stabilità dei pendii a diverse scale temporali e geografiche.

Negli ultimi anni è stato ampiamente riconosciuto un aumento della temperatura media globale (il riscaldamento globale secondo l’Intergovernmental Panel of Climate Change è “inequivocabile”). Di conseguenza, anche la frequenza e l’intensità dei fenomeni meteorologici di forte intensità aumentano, anche se in alcuni punti le precipitazioni medie annue non mostrano cambiamenti significativi.
La valutazione degli effetti dei cambiamenti climatici sulle frane è ancora una tematica aperta per la comunità scientifica. La pericolosità e il rischio posti dalle frane sono raramente considerati nel dibattito politico sui cambiamenti climatici. Inoltre, gli effetti del riscaldamento globale e i relativi cambiamenti climatici sulle frane (come su altri rischi geo-idrologici) rimangono difficili da quantificare e da prevedere.
Al fine di comprendere e quantificare come le variabili climatiche e la loro variabilità influenzano frane e altri rischi geo-idrologici, è necessario un approccio multidisciplinare. È necessaria l’unione di diversi campi scientifici, tra cui climatologia, fisica dell’atmosfera, idrologia, idraulica, geologia, geomorfologia, idrogeologia, ingegneria geotecnica, scienze del suolo, scienze ambientali e anche scienze economiche e sociali.

Questo Focus mira a verificare queste ipotesi e a proporre nuovi strumenti e metodi per la valutazione, su scala regionale, dell’impatto dei cambiamenti climatici e ambientali su eventi, rischi e rischi di frana. A partire da una revisione critica della letteratura scientifica, è stata prima eseguita un’analisi a scala globale sui possibili cambiamenti passati e previsti del comportamento delle frane a causa dei cambiamenti globali. Quindi, l’attenzione è stata focalizzata sull’Italia, con particolari considerazioni sul rischio e il rischio di frana. Infine, sono stati presentati diversi metodi quantitativi, oggettivi e riproducibili per un’analisi regionale degli effetti dei cambiamenti climatici e ambientali sulle frane, allo scopo di: (i) valutare le variazioni passate nelle frane indotte da piogge legate ai cambiamenti degli eventi meteorici, nel 20° secolo; (ii) valutare le variazioni previste nelle frane indotte dalle precipitazioni in base alle proiezioni climatiche future, in diversi scenari; e (iii) stimare l’influenza dei cambiamenti osservati e attesi di uso del suolo / copertura del terreno sull’occorrenza di frane.

Results

Sono stati proposti metodi quantitativi e riproducibili per la valutazione a scala regionale dell’impatto dei cambiamenti climatici (in particolare dei regimi pluviometrici) sull’occorrenza di frane, utilizzando come area di studio la regione Calabria. In particolare, è stato proposto un metodo quantitativo basato sulla definizione, a partire da un’analisi storica, di leggi di correlazione tra frane pluvio-indotte e variabili climatiche, a scala regionale. Adottando degli insiemi di proiezioni climatiche e di cambiamenti di uso del suolo (fornite dal Centro Euro-Mediterraneo per i Cambiamenti Climatici) e utilizzando queste correlazioni sono stati definiti scenari futuri di franosità attesa.
Inoltre è stata realizzata la prima mappa globale di variazioni di franosità (in termini di occorrenza e frequenza) per effetto dei cambiamenti climatici in atto e futuri. La mappa è stata pubblicata nel 2016 e nel 2017 è stata inserita nel rapporto dell’agenzia ambientale europea riguardante le strategie di adattamento ai cambiamenti climatici e di riduzione del rischio in Europa.

To know more

Gariano S.L., Guzzetti F. 2016. Landslides in a changing climate. Earth-Science Reviews, 162, 227-252. S.L., ...

Gariano S.L., Guzzetti F. 2016. Landslides in a changing climate. Earth-Science Reviews, 162, 227-252. https://doi.org/10.1016/j.earscirev.2016.08.011.

Gariano S.L., Guzzetti F. 2021. Mass-Movements and Climate Change. In: Reference Module in Earth Systems and Environmental Sciences, 13 pp., https://doi.org/10.1016/B978-0-12-818234-5.00043-2.

Schlögel R., Kofler C., Gariano S.L., Van Campenhout J., Plummer S. 2020. Changes in climate patterns and their association to natural hazard distribution in South Tyrol (Eastern Italian Alps). Scientific Reports 10(1), https://doi.org/10.1038/s41598-020-61615-w.

Gariano S.L., Petrucci O., Rianna G., Santini M., Guzzetti F. 2018. Impacts of past and future land changes on landslides in southern Italy. Regional Environmental Change, 18, 437–449. https://doi.org/10.1007/s10113-017-1210-9.

Gariano S.L., Rianna G., Petrucci O., Guzzetti F. 2017. Assessing future changes in the occurrence of rainfall-induced landslides at a regional scale. Science of The Total Environment, 596–597, 417-426. https://doi.org/10.1016/j.scitotenv.2017.03.103.

Picarelli L., Comegna L., Gariano S.L., Guzzetti F., Mercogliano P., Rianna G., Santini M., Tommasi P. 2016. Potential climate changes in Italy and consequences on land stability, in Ho K., Lacasse S., Picarelli L. (eds.), Slope Safety Preparedness for Impact of Climate Change, pp. 151-198, CRC press, ISBN 9781138032309.

Gariano S.L., Petrucci O., Guzzetti F. 2015. Changes in the occurrence of rainfall-induced landslides in Calabria, southern Italy, in the 20th century. Nat. Hazards Earth Syst. Sci., 15, 2313–2330. https://doi.org/10.5194/nhess-15-2313-2015.