Tematica: Piena

Documentare ed analizzare le piene improvvise

focus-Documentazione_analisi_piene_improvvise_01-evidenza-2 Le piene improvvise (in inglese flash flood) interessano bacini idrografici di estensione limitata, e si caratterizzano per il loro rapido sviluppo temporale. A causa della loro intensità e dei brevi tempi di preannuncio le piene improvvise sono spesso responsabili, oltre che di gravi danni economici, della perdita di vite umane.Le scale spaziali e temporali di accadimento delle piene improvvise fanno sì che le normali reti di ...

Eventi alluvionali in Calabria dal 1990 al 1999

focus-calabria-2-evidenza Abbiamo pubblicato il libro intitolato “Eventi alluvionali in Calabria nel periodo 1990-1999”Il volume è disponibile al seguente link » Il volume è il risultato di uno studio durato oltre un anno che si inquadra in attività di ricerca sugli eventi alluvionali storici in Calabria iniziate negli anni ’70 del secolo scorso.Per effettuare la ricerca, ci siamo recati presso la Biblioteca provinciale di Cosenza dove abbiamo ...

Previsione delle onde di piena e valutazione del rischio idraulico

evidenza-floris Il progetto è finalizzato allo studio della previsione delle onde di piena ed alla valutazione degli effetti dovuti ai processi di esondazione ed allagamento delle aree peri-fluviali (valutazione del rischio idraulico), anche in presenza di opere idrauliche di sbarramento fluviale di cui si considera anche la potenziale ...

ARchivio storico di COsenza

arco-evidenza ARCO è l’ARchivio storico di COsenza, un archivio sui fenomeni di dissesto geo-idrologico verificatisi in Calabria fra la metà dell’800 ed il 1990. ARCO è costituito da 506 faldoni. 45 faldoni contengono progetti di opere di bonifica e sistemazione dei bacini idrografici realizzati dalla Cassa per il Mezzogiorno e richieste di risarcimento di danni sismici. 461 faldoni, organizzati per comune, contengono richieste di risarcimento di ...

Use of SMAP soil moisture products for operational flood forecasting: data assimilation and antecedent wetness conditions assessment

SMAP_EA_IMMEV The project aims at using Soil Moisture Active and Passive (SMAP) soil moisture (SM) products at different spatial resolution (3, 9, and 36 km) for hydrological applications in Europe (mainly in ...

Impatto dei cambiamenti climatici sugli eventi estremi

Esempio di proiezioni future per serie di pioggia media areale nel bacino del Fiume Topino nelle diverse stagioni per il periodo 2010-2070. Il servizio analizza l’impatto dei cambiamenti climatici sulle principali variabili del ciclo idrologico con particolare attenzione agli eventi estremi di precipitazione e portata (siccità e piene). Il servizio consente quindi di valutare gli effetti combinati dei processi naturali ed antropici legati ai cambiamenti climatici sulla risorsa acqua, superficiale e sotterranea, individuando le possibili ricadute future di tali effetti sulle ...

Mappe di pericolosità idraulica

Esempio di area allagabile relativa al Torrente Genna. Il prodotto consiste in mappe di pericolosità idraulica per tempi di ritorno pari a 50, 100, 200 e 500 anni, con conseguente valutazione delle fasce di pertinenza fluviale che necessitano della stima preventiva delle aree ...

Modelli operativi di previsione degli eventi di piena (MISDc e STAFOM-RCM) e dei fenomeni di inondazione (modello KS)

modelli_operativi3_evidenza Modello Idrologico Semi-Distribuito in continuo (MISDc) per la stima del contenuto d'acqua del suolo e delle portate in tempo reale nel bacino dell'Alto-Medio Tevere; modello di trasferimento dell’onda di piena (STAFOM-RCM) per la previsione degli idrogrammi di livello in alcune aree di interesse del bacino del Fiume Tevere; Database afflussi-deflussi accoppiato con il modello cinematico KS per la stima speditiva di mappe di probabilità di ...

Scenari dinamici di rischio alluvionale

Esempio di visualizzazione dei risultati. Qobs2008=portata osservata durante la piena di dicembre 2008 alla stazione di Ponte Felcino, SM=contenuto d’acqua iniziale, P(24h)=pioggia massima 24h, Q=portata iniziale, DB = percentile al 90 % degli eventi, 50% DB = percentile al 50 % degli eventi, median Qsim = mediana degli eventi. Le attività di progetto sono state sviluppate in due fasi:identificazione di “scenari dinamici di rischio alluvionale" mediante modellistica idrologica-idraulica finalizzata alle attività di protezione civile (2009-2011); implementazione operativa degli scenari dinamici sviluppati e loro diffusione con tecnologie web-GIS, anche nel contesto della direttiva sulle alluvioni 2007/60 / CE (2012-203); implementazione di modelli di ...

Redazione mappe di pericolosità idraulica

allagabili1_evidenza Le attività del progetto sono state sviluppate in due fasi:delimitazione delle aree soggette ad inondazioni per numerosi tratti fluviali del reticolo secondario del bacino del Fiume Tevere (2009-2011); Analisi e ricostruzione dell’evento di piena che ha colpito il bacino del Fiume Paglia nel Novembre ...