Ordinanza 473: primi interventi di Protezione civile in conseguenza degli eventi meteorologici di novembre 2016 e gennaio 2017 in Calabria

Ordinanza 473: primi interventi di Protezione civile in conseguenza degli eventi meteorologici del 24-26 novembre 2016 nel territorio delle province di Crotone e Reggio Calabria, e del 22-25 gennaio 2017 nel territorio delle province di Catanzaro, Crotone, Reggio Calabria e dei comuni di Longobucco, Oriolo e Trebisacce (provincia di Cosenza) e Vazzano (provincia di Vibo Valentia). (Ordinanza 473)

project-Ordinanza-473-evidenza

Background

A meno di due mesi di distanza, nei periodi 25-26 novembre 2016 e 22-25 gennaio 2017, sulla Calabria si sono abbattuti due eventi pluviometrici intensi che hanno prodotto frane ed esondazioni, causa di ingenti danni.

Scopo

  1. Individuare le maggiori criticità tra le segnalazioni di cui all’art. 1, comma 4, c, OCDPC 473/2017 ed estrapolare gli interventi prioritari con importi nella capienza di 11.621.873,28EU;
  2. definire gli indirizzi tecnici per i progettisti;
  3. valutare la rispondenza dei progetti ai criteri di cui al punto 2 e formulare pareri tecnici vincolanti sui progetti.

Metodi

L’individuazione delle situazioni che necessitano di interventi di riduzione del rischio è stata effettuata mediante sopralluoghi nelle aree segnalate dai comuni come vulnerate durante gli eventi di cui al titolo dell’ordinanza.

Risultati

I risultati finora conseguiti consistono nella selezione delle situazioni che necessitano di interventi strutturali. Attualmente sono in fase di elaborazione i criteri per la corretta redazione dei progetti.

Prodotti

  1. Piano degli interventi da finanziare (Maggio 2018);
  2. Rimodulazione del Piano degli interventi secondo le modifiche richieste dal Dipartimento Nazionale di Protezione Civile (Luglio 2018); Relazione integrativa su alcuni specifici casi secondo le richieste formulate dal Dipartimento Nazionale di Protezione Civile (Ottobre 2018);
  3. Relazione integrativa su alcuni specifici casi secondo le richieste formulate dal Dipartimento Nazionale di Protezione Civile (Ottobre 2018).

Conclusioni

Il progetto è in itinere.