Integrated approach for the development across Europe of user oriented climate indicators for GFCS high-priority sectors: agriculture, disaster risk reduction, energy, health, water and tourism

(INDECIS)

project-indecis-evidenza

Background

I cambiamenti climatici stanno incidendo fortemente sull’intero territorio europeo. La siccità colpisce gravemente l’agricoltura; gli estremi delle precipitazioni stanno spesso producendo inondazioni e frane con gravi danni a proprietà e perdite di vite umane; le temperature estreme causano un aumento degli indici di mortalità; le variazioni nella stagionalità delle precipitazioni e nella disponibilità di neve stanno influenzando le risorse idriche e il turismo invernale; la velocità del vento o le ore del sole hanno una notevole influenza sulla produzione di energia rinnovabile. Ognuna di queste relazioni possono essere studiate attraverso il calcolo di indici climatici, definiti come combinazioni delle variabili climatiche di base. Detti indici, per poter fornire informazioni utili e confrontabili, devono essere basati su set di dati climatici sufficientemente lunghi e qualitativamente affidabili, e formulati in modo da fornire informazioni pertinenti e confrontabili.

Scopo

Il progetto INDECIS intende sviluppare un approccio integrato per produrre una serie di indicatori climatici che mirano ai settori ad alta priorità del Global Framework for Climate Services del WMO (agricoltura, riduzione dei rischi, energia, salute, acqua) con l’aggiunta del turismo. Inoltre, il progetto si prefigge lo sviluppo di modelli e strumenti per l’acquisizione in tempo quasi reale dei dati e per l’interpolazione spaziale, la visualizzazione e la comunicazione del monitoraggio climatico.

Metodi

Per raggiungere detti scopi, il progetto INDECIS produrrà un inventario e un catalogo dei dati esistenti di pioggia, temperatura, velocità del vento e durata dell’irraggiamento solare. Inoltre, è previsto lo sviluppo di nuovi metodi e strumenti per assicurare in modo operativo la qualità e l’omogeneità dei dati. Parallelamente, è prevista la catalogazione degli indicatori di clima, già calcolati dalle istituzioni partecipanti e da terzi su tutto il territorio europeo, cercando di migliorare, d’intesa con gli stakeholders, le modalità di consultazione degli stessi. Inoltre si farà uso di tecniche statistiche e degli indici di teleconnessione per indagare sulle possibilità predittive e per fornire risposte alla variabilità e al cambiamento climatico.