Database of landslides in Calabria to be uploaded in the SyNaRMa computerized archives

Convenzione tra Università della Calabria – Dipartimento di Fisica e CNR-IRPI di Rende per la collaborazione al Programma CE INTERREG IIIB – ARCHIMED – Progetto SyNaRMa “Development of an Information System for Natural Risk Management in the Mediterranean” (SyNaRMa)

Figura_in-evidenza_-Synarma

Background

Nell’ambito del Progetto di Ricerca “Development of an Information System for Natural Risk Management in the Mediterranean” inserito all’interno dell’Iniziativa Comunitaria INTERREG III B – Programma ARCHIMED, che vede come Lead Partner l’Università “Aristotele” di Salonicco (Grecia) e come coordinatore generale il Prof. Paraskevas Savvaidis della citata Università di Salonicco, al CNR IRPI di Rende è affidato dall’Università della Calabria (partner n. 9 del progetto di ricerca) l’incarico scientifico riguardante la produzione di carte tematiche della suscettibilità alle frane per la regione Calabria e la descrizione dettagliata di alcune delle più rilevanti situazioni di instabilità di versante che possono interessare aree urbane e principali linee di comunicazione stradale e ferroviaria.

Scopo

La collaborazione scientifica del CNR-IRPI di Rende ha riguardato in particolare:

  1. la produzione di carte tematiche della suscettibilità ai fenomeni franosi delle differenti litologie affioranti in Calabria a scala 1:250.000;
  2. la descrizione di alcune delle più rilevanti situazioni di instabilità di versante che interessano aree urbane e principali linee di comunicazione stradale e ferroviaria a scala di dettaglio;
  3. l’implementazione di un data base riguardante le informazioni esistenti sulle instabilità di versante che coinvolgono i 409 capoluoghi ed interferiscono con le principali infrastrutture viarie e ferroviarie.

Metodi

Per lo sviluppo della prima e seconda parte del progetto è stata adoperata una procedura basata su “expert-judgement” con l’aiuto di tecniche GIS (package Arc-Gis9). Tale procedura è basata sull’esperienza maturata da alcuni Autori in precedenti studi effettuati in diverse aree della Calabria; in tali studi è stato osservato che la frequenza territoriale dei fenomeni franosi è strettamente associata, in ordine di importanza, alla litologia, alla pendenza e all’uso del suolo. Per questo motivo è stata effettuata una valutazione della suscettibilità per ogni tipo di frana usando le frequenze osservate di ogni tipo di frana rispetto ad ogni litologia e poi pesando la media usando le altre due variabili (fig.1). Al fine di ottenere una più dettagliata distribuzione della suscettibilità, gli intervalli delle classi di suscettibilità sono state determinati in relazione al valore massimo per ogni tipologia franosa. La terza attività ha riguardato l’implementazione di un database georeferenziato in cui per ogni area urbana della regione Calabria è possibile ottenere informazioni relative alle frane (dimensione, tipologia, stato di attività, etc.) mentre, per le principali vie di comunicazione e le linee ferroviarie, informazioni circa i tratti coinvolti dalle instabilità.

Prodotti

Mappe della distribuzione territoriale della suscettibilità per ogni principale tipo di frana a scala 1:250.000 e per cinque aree campione a scala di dettaglio; database regionale relativo a aree urbane, principali vie di comunicazione e le linee ferroviarie coinvolte da fenomeni franosi.