Studio delle deformazioni gravitative profonde della Valle d’Aosta e analisi delle criticità della rete regionale di monitoraggio delle frane

evidenza-dgpv-giordan-cime-bianche

Background

La Valle d’Aosta è caratterizzata dalla presenza di un vasto territorio montuoso. In tale ambito è presente un numero di frane significative, le quali variano da crolli in roccia alle deformazioni gravitative profonde di versante (DGPV), passando per la grandi frane complesse. Il loro studio, finalizzato a garantire adeguati standard di sicurezza e ad agevolare uno sviluppo compatibile, risulta dunque una necessità fondamentale per questo territorio.

Scopo

Il presente studio si articola in due fasi distinte: i) sviluppo di una metodologia finalizzata all’impiego dei dati satellitari per l’analisi dello stato di attività delle DGPV ii) analisi della rete di monitoraggio regionale finalizzata all’individuazione di criticità e punti di forza di ciascun fenomeno monitorato.

Metodi

Lo studio delle DGPV si basa sull’uso combinato di dati SAR, analisi morfologiche e geologiche strutturali. L’analisi della rete di monitoraggio prevede invece la raccolta e la revisione di tutto il materiale bibliografico esistente e congiuntamente l’analisi e l’elaborazione delle serie storiche di deformazione superficiale, relativamente a ciascuna rete di monitoraggio.

Risultati

Lo studio delle DGPV ha portato alla definizione di una procedura per la valutazione del livello di attività di tali fenomeni attraverso l’individuazione dei domini morfo-strutturali. La definizione dei livelli di attività di una DGPV risulta fondamentale ai fini della valutazione della pericolosità e della pianificazione territoriale. Per le frane inserite nella rete di monitoraggio è stata effettuata un’analisi caso per caso che ha portato ad evidenziare lo stato delle conoscenze e le eventuali criticità presenti.

Prodotti

Il progetto ha portato alla messa a punto di una metodologia per la definizione dei domini morfo-strutturali delle DGPV da cui derivare lo stato di attività del fenomeno. Il progetto ha previsto l’applicazione su 4 casi di studio.
Per le frane inserite nella rete di monitoraggio regionale sono state redatte delle monografie secondo un approccio innovativo che prende spunto dalle metodologie usate in ambiente aeronautico.

Conclusioni

Il progetto ha permesso di sviluppare una nuova metodologia di utilizzo dei dati SAR finalizzati ad una più efficace definizione dello stato di attività delle DGPV della Valle d’Aosta. La valutazione dello stato di attività è fondamentale ai fini di una più corretta pianificazione territoriale.
Lo sviluppo di monografie dedicate alle frane inserite nella rete di monitoraggio regionale rappresenta un importante passo avanti nella definizione di un metodo di gestione dinamica delle conoscenze di un fenomeno franoso attivo, inserito in una rete di controllo regionale.