SARF Sardegna

Definizione di soglie pluviometriche per il possibile innesco di frane indotte dalla pioggia in Sardegna e implementazione di un Sistema di Allerta Regionale per la previsione di Frane indotte dalla pioggia in Sardegna (SARF Sardegna)

evidenza-sarf-sardegna

Background

In Italia, le piogge – intense e/o prolungate – sono la causa principale delle frane. Per la previsione spaziale (geografica) e temporale dei fenomeni franosi sono generalmente utilizzate soglie pluviometriche empiriche. È noto che le soglie di pioggia empiriche sono dipendenti dalle condizioni fisiografiche, litologiche e climatiche locali dell’area per la quale sono definite. L’influenza di tali caratteristiche impone la definizione di soglie, per quanto possibile, locali. Per definire soglie locali o regionali è indispensabile avere a disposizione una quantità sufficiente di informazioni su eventi di pioggia che abbiano innescato frane nell’area di interesse. Le soglie pluviometriche possono essere utilizzate nei sistemi di allerta per la previsione dell’occorrenza di frane pluvio-indotte. Per la previsione delle frane in Italia, il CNR IRPI ha sviluppato per il Dipartimento della Protezione Civile il SANF (Sistema di Allertamento Nazionale per il possibile innesco di Frane indotte da pioggia in Italia), che confronta soglie di pioggia a scala nazionale con misure e previsioni di pioggia. Il progetto SARF Sardegna è finalizzato: (i) alla definizione di soglie pluviometriche empiriche di tipo CD (cumulata della pioggia –durata della pioggia) per la regione Sardegna e per aree fisiografiche sub-regionali e (ii) alla implementazione del sistema di allerta regionale per la Sardegna. Futuri sviluppi del progetto prevedono l’utilizzo di soglie regionali e locali nel sistema di allerta per l’occorrenza delle frane.

Scopo

Gli scopi principali del progetto sono:

  • La raccolta, l’organizzazione e l’analisi di informazioni su movimenti franosi indotti da piogge nella Regione Sardegna;
  • La definizione di soglie pluviometriche empiriche oggettive e riproducibili per la previsione del possibile innesco di fenomeni franosi nel territorio regionale e per aree fisiografiche sub-regionali;
  • L’implementazione del Sistema di Allerta Regionale per la previsione di Frane indotte dalla pioggia in Sardegna (SARF Sardegna).

Metodi

Le informazioni relative a frane indotte dalle precipitazioni in Sardegna, necessarie per la definizione di soglie affidabili saranno reperite da fonti cronachistiche (quotidiani nazionali e locali disponibili in archivi elettronici), rapporti tecnici e d’evento a seguito di sopralluoghi delle autorità locali di protezione civile. Il CNR IRPI ha avviato una collaborazione con i comandi provinciali dei Vigili del Fuoco, al fine di raccogliere le informazioni contenute nei rapporti d’intervento effettuati a seguito di segnalazioni di frane dovute a maltempo.
Le soglie di pioggia saranno definite utilizzando un metodo frequentista, che permette di calcolare in modo, oggettivo e riproducibile, soglie corrispondenti a diverse probabilità di occorrenza.

Prodotti

  • Catalogo degli eventi di pioggia che hanno innescato frane in Sardegna;
  • Soglie di pioggia empiriche di tipo CD (cumulata della pioggia –durata della pioggia) a scala regionale e sub-regionale.
  • Sistema di Allerta Regionale per la previsione di Frane indotte dalla pioggia in Sardegna (SARF Sardegna).

Conclusioni

I risultati del progetto SANF Sardegna sono finalizzati alla previsione dell’occorrenza di frane pluvio-indotte a scala regionale e possono contribuire a mitigare, attraverso la prevenzione, il rischio da frana.