RiST project: Ricerca Scientifica e Tecnologica nel bacino glaciale della Bessanese (Balme, TO)

(RiST project)

RIST-evidenza

Background

L’ambiente alpino, ed in particolare quello di alta quota, sta rispondendo rapidamente e con notevole intensità ai cambiamenti climatici, attraverso evidenze di tipo geomorfologico, idrologico ed ecologico. La riduzione volumetrica e l’arretramento dei ghiacciai montani, con la messa a giorno di pareti rocciose ed accumuli detritici, il cambiamento dei regimi idrologici e termo-pluviometrici, sono alcuni dei principali indicatori terrestri del cambiamento climatico in atto.

Scopo

Utilizzare il bacino glaciale della Bessanese come un laboratorio sperimentale all’aperto. Studiare la variabilità delle condizioni termiche dei materiali coinvolti nei processi morfodinamici (aria, roccia, detrito, suolo, ghiaccio, acqua). Le informazioni acquisite contribuiranno allo sviluppo delle conoscenze sulle relazioni fra cambiamenti climatici e processi di instabilità naturale in ambiente alpino di alta quota.

Metodi

Applicazione della tracciabilità metrologica delle misure e di apposite procedure di calibrazione. Misure di temperatura mediante sensori e catene di acquisizione con conosciute incertezze delle misure. Mediante questo approccio è possibile individuare con un elevato livello di accuratezza le tendenze e le variabilità delle temperature dei diversi materiali.

Risultati

  1. Misurare la temperatura in siti di alta quota mediante soluzioni innovative che utilizzano sensori miniaturizzati, a basso costo e a basso impatto ambientale;
  2. Misurare la temperatura in siti di alta quota mediante sensori e catene di acquisizione di cui si conosca l’incertezza delle misure;
  3. Identificare la variabilità e la tendenza della temperatura di differenti materiali, al fine di migliorare le conoscenze sugli impatti dei cambiamenti climatici sulle dinamiche geomorfologiche e sui pericoli naturali inerenti la degradazione della criosfera (permafrost incluso).

Prodotti

  1. Dati di temperatura acquisiti in un sito di alta quota per diversi materiali (aria, roccia, detrito, suolo, ghiaccio, acqua);
  2. Immagini ad alta risoluzione del bacino glaciale della Bessanese, acquisite da un innovativo sistema Livecam 360° PANOMAX;
  3. Disseminazione dei risultati (pubblicazioni, video, convegni).