Kinematic of debris flows using Large Scale Particle Image Velocimetry (LSPIV)

(KINOFLOW)

evidenza-KINOFLOW-reprojected

Background

Le telecamere installate nei siti di monitoraggio delle colate detritiche hanno solitamente la finalità di contribuire alla registrazione di video che permettano una migliore interpretazione delle dinamiche del flusso. Il loro utilizzo per misure di velocità basate sull’analisi di immagini rappresenta tuttora una sfida.

Scopo

Il progetto KINOFLOW sviluppa ed applica tecniche fotogrammetriche ad immagini derivate dal monitoraggio di colate detritiche con l’obiettivo di determinare la velocità superficiale delle colate stesse.

Metodi

Il CNR IRPI è stato principalmente coinvolto nell’ortorettifica delle immagini video. Tali immagini ortorettificate sono state quindi utilizzate per le analisi velocimetriche.

Risultati

I campi delle velocità superficiali sono stati determinati per numerose pulsazioni di colate detritiche registrate fra il 2011 ed il 2015 del torrente Gadria (Alpi Orientali Italiane). I valori ottenuti sono coerenti con le stime di velocità derivanti da altri metodi, quali la cross-correlazione fra gli idrogrammi registrati in diverse sezioni del torrente.

Prodotti

I risultati del progetto sono stati raccolti in una relazione tecnica. E’ in fase di preparazione una pubblicazione che descrive le tecniche di analisi sviluppate e presenta i risultati ottenuti nel torrente Gadria.

Conclusioni

Nonostante alcune difficoltà emerse nel corso delle analisi, LSPIV rappresenta un’importante opportunità per la stima delle velocità superficiali delle colate detritiche. Una più accurata determinazione delle incertezze associate a queste analisi richiede ulteriori ricerche.