Centro di Competenza di Protezione Civile – Rischio Geo-Idrologico

Supporto tecnico-scientifico al Dipartimento della Protezione Civile, della Presidenza del Consiglio dei Ministri (CC-DPC)

progetti-cc-dpc-evidenza-

Background

In Italia frane e inondazioni sono fenomeni frequenti, diffusi e pericolosi, che causano vittime e dispersi, ed anche danni economici rilevanti. Nel nostro paese, frane e inondazioni pongono problemi rilevanti d’interesse scientifico e di valenza sociale ed economica.

L’ Istituto è un Centro di Competenza del Dipartimento della Protezione Civile, della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Per il  Dipartimento della Protezione Civile svolgiamo attività di ricerca, di supporto-tecnico scientifico, e di supporto a seguito di eventi calamitosi.

Il Progetto CC-DPCCentro di Competenza di Protezione Civile – Rischio Geo-Idrologico raccoglie le attività svolte dall’Istituto nella sua funzione di Centro di Competenza del Dipartimento della Protezione Civile per quanto concerne il rischio geo-idrologico, ed in particolare il rischio posto dai fenomeni franosi.

Scopo

Lo scopo del progetto CC-DPC è quello di fornire consulenza tecnico-scientifica al Dipartimento della Protezione Civile, e di supportare il Dipartimento durante o a seguito di eventi geo-idrologici particolarmente importanti, o che abbiano causato un impatto significativo sulla popolazione o sui beni pubblici o privati.

Scopo di CC-DPC è anche quello di sviluppare, manutenere e operare SANF: il sistema di allertamento nazionale per la possibile occorrenza di frane indotte dalle piogge.

In dettaglio, le principali attività attualmente in corso nell’ambito del progetto CC-DPC riguardano:

  • Lo sviluppo, la gestione operativa e la validazione del Sistema di allertamento nazionale per la previsione del possibile innesco di fenomeni franosi indotti da piogge (SANF).
  • L’aggiornamento di archivi di eventi d’inondazione e di frana storici a scopi di protezione civile.
  • La definizione del rischio posto alla popolazione Italiana da eventi geo-idrologici (frane e inondazioni).

Il progetto CC-DPC contribuisce alla produzione del Rapporto Periodico sul Rischio posto alla Popolazione Italiana da Frane e da Inondazioni, distribuito attraverso il sito POLARIS dell’Istituto.

Infine, CC-DPC supporta le attività di monitoraggio di grandi frane, o di frane di particolare interesse per la protezione civile, condotte dal Gruppo di Geo-Monitoraggio dell’Istituto.

Metodi

Per svolgere le attività previste dal progetto CC-DPC, i ricercatori e i tecnici utilizzano – e se del caso sviluppano – una varietà di strumenti, metodi e tecniche d’indagine, fra le quali:

  • Tecniche di analisi di immagini telerilevate da satellite, ottiche e SAR
  • Mappatura delle frane a partire da immagini aeree, satellitari o terrestri
  • Metodi per la produzione di carte inventario delle frane
  • Modellistica per la valutazione della suscettibilità, della pericolosità e del rischio da frana
  • Raccolta, organizzazione ed analisi di informazioni storiche relative ad eventi geo-idrologici
  • Metodi e tecniche per la definizione delle condizioni pluviometriche per il possibile innesco di fenomeni franosi
  • Strumenti e tecniche per la disseminazione dell’informazione sul rischio geo-idrologico in Italia

Risultati

I risultati attesi dalle attività di CC-DPC attualmente in corso sono:

  • La gestione operativa del Sistema di allertamento nazionale per la previsione del possibile innesco di fenomeni franosi indotti da piogge (SANF)
  • La validazione del Sistema di allertamento nazionale per la previsione del possibile innesco di fenomeni franosi indotti da piogge (SANF)
  • L’aggiornamento di archivi di eventi d’inondazione e di frana storici a scopi di protezione civile
  • Una migliore definizione del rischio posto alla popolazione Italiana da eventi geo-idrologici (frane e inondazioni)

A questi si aggiunge il supporto al Dipartimento durante o a seguito di eventi geo-idrologici particolarmente importanti, o che producano un impatto significativo sulla popolazione o sui beni pubblici o privati.

Prodotti

Fra i prodotti attesi dal progetto CC-DPC sono:

  • Una versione “regionale” del Sistema di allertamento per la previsione del possibile innesco di fenomeni franosi indotti da piogge (SARF)
  • Procedure per la validazione del Sistema di allertamento nazionale per la previsione del possibile innesco di fenomeni franosi indotti da piogge (SANF)
  • Archivi aggiornati di eventi d’inondazione e di frana storici in Italia
  • Modelli e mappe del rischio da frana e da inondazione per la popolazione italiana
  • Nuove versioni del Rapporto Periodico sul Rischio posto alla Popolazione Italiana da Frane e da Inondazioni, distribuito attraverso il sito POLARIS dell’Istituto
  • Rapporti di evento e/o di sopralluogo.

Conclusioni

Da oltre 30 anni, e dal 2004 nell’ambito di un Centro di Competenza, il gruppo di ricerca che gestisce il progetto CC-DPC opera a fianco del Dipartimento della Protezione Civile, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, fornendo consulenza tecnico-scientifica e supporto durante ed a seguito i eventi catastrofici. In questi anni abbiamo imparato dagli eventi che abbiamo studiato e pensiamo di aver dato un contributo utile al Dipartimento della Protezione Civile. Intendiamo proseguire la nostra attività nei prossimi anni, nell’ambito del progetto CC-DPC – Centro di Competenza di Protezione Civile – Rischio Geo-Idrologico.