L’applicazione di analisi morfometriche speditive sulle colate rapide della Val Lapisina (Treviso)

Arziliero L., Bettella M., Cavalli M., Tornielli V., 2020, L’applicazione di analisi morfometriche speditive sulle colate rapide della Val Lapisina (Treviso), Analisi e attività di mitigazione dei processi geo-idrologici in Italia, pp. 97–104, Roma, 29/11/2019,
URL: http://www.cnr.it/prodotto/i/425276

Il presente contributo intende esporre un caso studio per la definizione di aree a maggior probabilità di coinvolgimento da parte di fenomeni di colata rapida lungo il versante detritico posto in sinistra idrografica della Val Lapisina in comune di Vittorio Veneto (TV). Vengono presi in considerazione gli effetti delle colate avvenute nel recente passato e oggetto di segnalazione agli enti competenti nonché le caratteristiche delle stesse osservate durante i sopralluoghi. A questo riguardo è corretto informare che i dati storici disponibili sono in realtà limitati in quanto essi non contemplano la totalità dei fenomeni accaduti nel corso degli anni ma solamente la frazione di questi che ha in qualche maniera coinvolto bersagli significativi, in questo caso rappresentati dalle infrastrutture viarie (SS n. 51 di Alemagna, linea ferroviaria VE-BL, parte basale dell'Autostrada A27), con conseguente attenzione per la pubblica incolumità da parte degli enti pubblici e dei gestori delle stesse. L'analisi per una gestione delle priorità d'intervento che viene esposta, si basa sull'integrazione dei metodi classici con un innovativo approccio metodologico speditivo di tipo geomorfometrico. Il metodo applicato consente di individuare, con pochi dati e una definizione adatta allo scopo, le aree del versante in cui è più probabile l'innesco di colate detritiche, fenomeni che si manifestano specificatamente in occasione di precipitazioni piovose abbondanti e concentrate in aree relativamente confinate.

Dati tratti da https://intranet.cnr.it/people/