News

Progetto rist2 in partenza

news-200x200

Proseguono le ricerche in alta quota grazie al progetto RiST2, co-finanziato dalla Fondazione CRT di Torino. L’area di studio è il bacino glaciale della Bessanese. Le principali attività di ricerca consistono nel proseguimento degli studi sulle relazioni fra la variabilità climatica e i processi morfodinamici, con particolare riferimento al ruolo della temperatura e delle proprietà termiche dei materiali geologici (es. roccia, detrito, acqua). L’utilizzo di micro data logger metrologicamente riferiti e con conosciuta incertezza delle misure permette un approccio di frontiera verso le tematiche studiate. Il progetto è realizzato dal gruppo GeoClimAlp, unitamente ai partner MeteoMet, Rifugio Gastaldi, CAI Torino, Museo Nazionale della Montagna e Comune di Balme.

Pagina web del progetto al sito http://geoclimalp.irpi.cnr.it/

Brochure »

news-rist2-2018
news-rist2-loghi-2018

Research project to develop early landslip warning systems to be undertaken

news-200x200

Articolo web – del 20 dicembre 2017 – dal sito thehindu.com, inerente il progetto LANDSLIP (al quale partecipa anche l’IRPI CNR) e il secondo “Consortium meeting” svoltosi dall’11 al 15 dicembre 2107 in Coimbatore, India.

Vai all’articolo »

Linee Guida per la valutazione della pericolosità naturale legata a ghiacciai e permafrost

news-200x200

Pubblicate le Linee Guida per la valutazione della pericolosità naturale legata a ghiacciai e permafrost in aree montane. Il documento è frutto di un’intensa attività di confronto all’interno del gruppo scientifico GAPHAZ (Glacier and Permafrost Hazards in Mountains) dell’International Association of Cryospheric Sciences (IACS) e dell’International Permafrost Association (IPA).
Alla stesura del documento ha contribuito la ricercatrice dell’IRPI Marta Chiarle, del gruppo di ricerca GeoClimAlp.

news-linee-guida-pericolosità-2017-chiarle

Vai al sito di GAPHAZ »

Vai alle Linee Guida »

Al via LANDSLIP Consortium Meeting

news-200x200

Iniziato oggi, 11 dicembre 2017, in Coimbatore, India, il secondo “Consortium meeting” inerente il progetto LANDSLIP – Landslide multi-hazard risk assessment, preparedness and early warning in South Asia integrating meteorology, landscape and society – e proseguirà fino a domani. Tra i membri del gruppo di progetto partecipano i ricercatori dell’IRPI, Alessandro Mondini, Mauro Rossi, Maria Teresa Brunetti, Ivan Marchesini e Silvia Peruccacci. Questo incontro segna un passo ancora in avanti nella collaborazione dell’Istituto di Ricerca per la Protezione Idrogeologica con le varie realtà asiatiche e internazionali in materia di prevenzione dal rischio da frana.

Foto dei partecipanti al Meeting
news-landslip-2017-

Vai al progetto »

UAV FIXED WING CNR IRPI: rilevamento ottico RGB e multispettrale della frana di Ponzano (TE)

news-200x200

Il Geohazard Monitoring Group (GMG) del CNR IRPI ha effettuato in giugno il rilevamento dell’area interessata dalla riattivazione del fenomeno franoso di Ponzano (TE). Le attività sono state effettuate utilizzando il drone ad ala fissa progettato e messo a punto dal GMG ed equipaggiato con camera RGB mirrorless, sensore multispettrale 5 bande e actioncam.

Il rilevamento, effettuato su una superficie di circa 4,2 km2 , dimostra l’enorme potenzialità dell’aeromobile, che consente la mappatura contestuale RGB e multispettrale di aree interessate da fenomeni di dissesto, rendendo così possibile anche la caratterizzazione di zone con alto indice di umidità non individuabili con immagini ottiche.

news-rilevamento-ottico-rgb-ponzano
Figura 1: alloggiamento sensoristica e vista d’insieme del drone in fase di calibrazione del sensore MS.

news-rilevamento-ottico-rgb-ponzano-2
Figura 2: particolare multibanda di area affetta da alto indice di umidità.

 

For info:
Paolo.allasia@irpi.cnr.it
Marco.baldo@irpi.cnr.it
Danilo.godone@irpi.cnr.it

 

Il 1° dicembre sono iniziate le attività del progetto di R&S “SMoRI”, finanziato nell’ambito del POR Calabria 2014-2020

news-200x200

L’IRPI è fra i partner scientifici del Progetto di Ricerca & Sviluppo “SMoRI – Smart Monitoring per il controllo di bacini ad elevato Rischio Idrogeologico”, finanziato nell’ambito del POR CALABRIA FESR-FSE 2014-2020 – ASSE I Promozione della Ricerca e dell’Innovazione, Obiettivo Specifico 1.2, Azione 1.2.2.

Lo scopo del progetto di R&S è progettare e realizzare un sistema integrato di monitoraggio dei fenomeni determinanti condizioni di elevato rischio geo-idrologico. In particolare, il sistema implementerà una metodologia multicomponente finalizzata al monitoraggio,  sia in modo separato che sinergico,  dei diversi fenomeni, mediante sensoristica in grado di misurare i parametri utili per la valutazione complessiva delle condizioni di rischio di un determinato territorio. L’attività di rilevazione è supportata dalle necessarie competenze specialistiche relative a protocolli di trasmissione e di sicurezza.

Il progetto SMoRI è portato avanti da un partneriato composto da tre aziende (SIRFIN SPA – capofila -, MARIGENTECH SRL, PROGESIST SRL), da due Istituti CNR (IRPI e ISAC) e da due Dipartimenti dell’Università della Calabria (Dipartimento di Ingegneria Civile e Dipartimento di Biologia, Ecologia e Scienze della Terra).

L’Unità del CNR IRPI è coordinata da Roberto Coscarelli della sede secondaria di Cosenza.

Il progetto ha una durata di 18 mesi.

Per informazioni: r.coscarelli@irpi.cnr.it

Pagina web POR Calabria »

Fibra ottica contro il dissesto idrogeologico

news-200x200

Il progetto DOMINO – Dikes and debris flows monitoring by novel optical fiber sensors – a cui partecipa l’IRPI, sezione di PADOVA, è uno dei progetti oggetto della rubrica “Ricerca e Innovazione” del periodico Platinum Aziende & Protagonisti de Il Sole 24 ORE. Nell’intervista, il coordinatore del progetto, prof. Luca Palmieri e il dott. Alessandro Pasuto, responsabile dell’unità IRPI nel progetto, dichiarano “Siamo partiti da esigenze reali, da emergenze territoriali registrate in anni recenti: noi siamo partner scientifici e dovremo poi dare supporto a strutture pubbliche, come per esempio la Protezione Civile, nei casi sempre più frequenti di disastri”.

Inserto di “Ricerca e Innovazione” in Platinum  Aziende & Protagonisti (pag. 83) »

Sito web progetto DOMINO »

 

La Resilienza delle Città d’Arte ai disastri naturali in Umbria, Toscana e Marche

news-200x200

Si terrà a Palazzo Cesaroni, sede della Assemblea Legislativa della Regione dell’Umbria, lunedì 11 dicembre 2017, un convegno sulla Resilienza delle Città d’Arte ai Disastri Naturali che, partendo dalle linee guida tracciate dall’UNISDR (United Nations Office for Disaster Risk Reduction), si concentrerà sulla situazione italiana per comprenderne le necessità in termini di prevenzione e tutela del patrimonio artistico.

Parteciperà alla tavola rotonda prevista durante il convegno anche il Direttore dell’IRPI CNR Fasuto Guzzetti. Durante il convegno verrà presentato il Centro di Competenze Integrate per la Promozione della Resilienza delle Città d’Arte ai Disastri Naturali in Umbria, Toscana, Marche, CERHER (Centre of Resilience on Heritage).

Vai all’evento »

Giulia Bossi premiata per la presentazione al congresso Challenges in Geotechnical Engineering

news-200x200

Nell’ambito della seconda conferenza internazionale Challenges in Geotechnical Engineering, patrocinata dell’International Society for Soil Mechanics and Geotechnical Engineering (ISSMGE) e svoltasi a Kyiv (Ucraina) il 20-22 novembre 2017, Giulia Bossi, assegnista dell’IRPI della sede secondaria di Padova, ha ricevuto un premio per la miglior presentazione orale in sessione plenaria. Il premio è stato assegnato anche ai coautori del contributo “A monitoring network to measure the cracks in a tunnel subject to shear deformation induced by a landslide” i ricercatori IRPI della sede secondaria di Padova Luca Schenato e Gianluca Marcato.

Il CNR IRPI alla VI° Edizione dell’Incontro delle Commissioni di Ingegneria Geotecnica, Seminario d’aggiornamento “Ingegneria Geotecnica Monitoraggio, Pendii, Dighe”

news-200x200

Giulia Bossi e Luca Schenato della sede di Padova di IRPI sono stato invitato a presentare due contributi al Seminario d’aggiornamento INGEGNERIA GEOTECNICA MONITORAGGIO, PENDII, DIGHE nell’ambito della VI° Edizione dell’Incontro delle Commissioni di Ingegneria Geotecnica che si è tenuta a Bolzano, il 30 Novembre 2017. La dott.ssa Bossi ha presentato un contributo dal titolo “Confronto tra modelli numerici bidimensionali e tridimensionali per l’analisi di stabilità di frane a geometria complessa” mentre il dott. Schenato ha presentato un contributo dal titolo “Sistemi di monitoraggio in fibra ottica per applicazioni geotecniche e di ingegneria civile: principi e applicazioni”.

Link »